Peeling acido salicilico trattamento acne e pelle impura

3563 Views 58 Liked

PEELING ACIDO SALICILICO

CHE COS’È L’ ACIDO SALICILICO

L’acido salicilico è un beta idrossiacido estratto dalla corteccia del salice, dall’olio di gaulteria e dalla betulla.

Questa tipologia di caustico viene utilizzato in estetica e medicina estetica per le sue proprietà cheratolitiche, sebostatiche ed antibatteriche. Applicato sulla zona da trattare, l’acido salicilico spezza selettivamente la cheratina, catena proteica che determina la coesione tra i corneociti, esfoliando in questo modo solamente le cellule presenti nello strato più esterno della pelle.

In questo modo viene favorita la desquamazione dei cheratinociti iperpigmentati, il rinnovo cellulare e L’ aumento del turn-over cellulare degli strati sottostanti. La molecola di acido salicilico non ha alcun effetto sulle altre proteine. Per questo motivo questo caustico è ben tollerato dalle cellule sottostanti, che, non presentando alcuna traccia del pigmento melanina, dona alla pelle un aspetto uniforme, levigato e luminoso.

Da notare che per propria natura, l’acido salicilico presenta come grado di penetrabilità un livello superficiale: distruzione tissutale limitata all’epidermide che non supera il derma papillare.

I VANTAGGI DELL’ACIDO SALICILICO

Oltre alle sopracitate proprietà, l’acido salicilico presenta proprietà sebostatiche ed antibatteriche. L’acido salicilico, grazie alle sue proprietà fisiche, è in grado di penetrare all’interno della ghiandola sebacea inducendo un effetto di limitazione nella produzione di sebo. Per questo motivo un peeling all’acido salicilico è consigliato nel trattamento di pelli miste e/o grasse.

L’acido salicilico, esfoliando la pelle, facilita l'assorbimento di altri principi attivi, soprattutto agenti idratanti e nutrienti. Per questo motivo viene utilizzato anche in fase preparatoria a trattamenti specifici come radiofrequenza o needling.

AZIONE

Date le sue specifiche proprietà biochimiche, l’acido salicilico viene utilizzato per trattare:

  • Photo aging ed iperpigmentazioni: l’elevata proprietà cheratolitica in grado di esfoliare lo strato superficiale di corneociti, consente di mostrare esternamente lo strato sottostante che risulta meno intaccato dagli agenti atmosferici e non presentano alcun accumulo del pigmento melanina;
  • Acne comedonica e/o nodulare: ipercheratizzazione, occlusione dei follicoli piliferi e sovrabbondanza nella produzione di sebo da parte delle ghiandole sebacee, con conseguente proliferazione batterica ed infiammazione, sono i fattori eziologici alla base dell’acne. L’azione antibatterica dell’acido salicilico lo rende utile nei trattamenti di pelli con acne in fase attiva e in presenza di comedoni. Inoltre, normalizzando i processi di proliferazione dei cheratinociti, è in grado di diminuire la concentrazione di sebo in modo da ridurre eventuali colonizzazione batteriche;
  • Calli: i calli sono ispessimenti della pelle che si originano in seguito a continue forze di attrito. Trattandosi di iperproliferazione dello strato corneo della pelle, l’acido salicilico trova impiego per l’elevato potere cheratolitico: esfoliazione delle cellule epidermiche con conseguente assottigliamento e normalizzazione della zona.

Step by step - Modalità di utilizzo

1. Diagnosi ed analisi della pelle: tenere in considerazione il fototipo (da I a VI), tipologia di pelle, età del paziente, varie ed eventuali infiammazioni e infezioni in atto, trattamenti pregressi ed eventuale assunzione di farmaci contenenti retinoidi o chemioterapici nei precedenti sei mesi;

Fototipo I-II: pelli molto chiare e chiare, capelli biondi o rossi, molto sensibili al sole, abbronzatura scarsa se non assente con eritemi e scottature. 

Fototipo III-IV: pelli leggermente scure, capelli biondo scuro o marroni, normalmente sensibili al sole, abbronzatura moderata assumendo un leggero colorito. 

Fototipo V-VI: pelli scure e molto scure, capelli neri, abbronzatura immediata e pochissimo rischio di scottature.

2. Rimuovere ogni traccia di make up su viso e collo con latte detergente a risciacquo;

3. Tamponare perfettamente la parte da trattare con una garza sterile;

4. Applicare la soluzione sgrassante a base di Acido Salicilico con una garza sterile, evitando il contorno occhi e mucose;

5. Applicare il peeling all'acido salicilico con un pennello a ventaglio (su viso, collo, decolleté, mani, ecc…), in una quantità di 2-3 ml massimo, prestando cura all’omogeneità di applicazione;

6. Il tempo di posa prima di neutralizzare il caustico dipende da: tipologia di peeling, numero di strati (layers), grado di eritema, risultato da ottenere. Il tempo di posa può variare da 1 fino a 30 minuti;

7. Neutralizzare con lo spray neutralizzante post-peeling e risciacquare con acqua;

8. Applicare un prodotto contenente principi attivi come acido ialuronico, collagene, proteoglicani o vitamine in genere e massaggiare fino a completo assorbimento;

9. Applicare una maschera lenitiva e lasciare in posa 15-20 minuti per poi massaggiare fino ad assorbimento l’eventuale rimanenza di prodotto;

10. Terminare la procedura applicando un filtro solare protezione 50+;

11. Consigliare per il trattamento domiciliare la detersione della zona trattata con latte detergente e successiva applicazione di tonico, crema lenitiva e filtro solare protezione 50+.

PEELING ACIDO SALICILICO 20% + SPRAY NEUTRALIZZANTE

Per apprendere le corrette tecniche di peelig in abbinamento a puri ed efficaci principi attivi sterili mesoterapici

ti aspettiamo ai nostri CORSI DI FORMAZIONE.

Posted in: